domenica, 26 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

L’albero della vita

Dipingi la PaceL'albero della vita

La quercia chiese al mandorlo: ”Parlami di Dio!”. E il mandorlo fiorì. Il cipresso assetato di cielo chiese alle nubi: “Com’è il cielo?”.
Dall’alto tuonò una voce a irrorare di pioggia querce, cipressi e abeti.
“Noi che siamo morti al peccato, come potremmo ancora vivere nel peccato?” (Rm 6,2). Il creato è il DNA della sua grazia.
Il corpo chiese all’anima: “Dove sei?”. E l’anima lo baciò di aurora.

Sono le nostre lacrime a scendere e a schiarire dall’alto per concepire la creazione della vera grazia. Piccoli della pace, siate i giullari di Dio. Amo Francesco nelle sue follie d’amore.

Oh! No, non siate frate Formica, che tutto accumula a perdersi nel nulla. Oh! No, non siate frate Cicala che chiacchiera dall’aurora al tramonto.

Chiacchiera, chiacchiera continuamente ad annoiare la mente e il cuore. Chiacchiera ad avvelenare le comunità con il suo stesso cicalio. Quanti frati Cicala ci sono non solo in convento. Il primo conserva denaro e si riduce a un avaro a scheletro di carne. Il secondo taglia lingue sugli altri e mai su se stesso. Il chiacchierare è un terremoto a dilaniare persone e a frantumare, dentro e fuori, casa e convento.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI