teensexonline.com
sabato, 13 Luglio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Strage di Altavilla: il vento “diabolico” salvó la figlia 17enne

CronacaStrage di Altavilla: il vento "diabolico" salvó la figlia 17enne

Dal carcere di Enna parla Giovanni Barreca che al suo avvocato e alla criminologa Roberta Bruzzone ha raccontato nuovi retroscena della mattanza

Una bufera di vento abbattutasi nella zona di Altavilla Milicia, nella notte tra il 10 e l’11 febbraio, salvó la vita alla figlia di Giovanni Barreca nella casa degli orrori. Un evento atmosferico che venne interpretato, da Massimo Carandente e Sabrina Fina, come un segno della presenza del diavolo. Davanti a tale circostanza, i due “santoni” e il padrone di casa lasciarono la villetta con dentro l’unica superstite, ovvero la figlia 17enne del muratore, che sarebbe stata altrimenti la quarta vittima sacrificale.

È questo il nuovo racconto che Giovanni Barreca avrebbe fatto ieri al suo avvocato Giancarlo Barracato e alla criminologa Roberta Bruzzone, consulente della difesa, in udienza al carcere di Enna dove l’uomo è rinchiuso, accusato in concorso del pluriomicidio della moglie Antonella Salamone e di due dei suoi figli, Emmanuel, 5 anni, e Kevin 15.

Dopo quel segno del “demonio”, Barreca con la sua auto accompagnó Carandente e Fina alla stazione ferroviaria di Altavilla Milicia prima di consegnarsi ai carabinieri. La figlia 17enne sarebbe stata lasciata chiusa nella sua stanza con una benda agli occhi.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI