sabato, 18 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Incidente sul lavoro a Casteldaccia: le condizioni di Domenico Viola

CronacaIncidente sul lavoro a Casteldaccia: le condizioni di Domenico Viola

Le dichiarazioni del commissario dell'Aoup Maria Grazia Furnari e del direttore del Dai Antonio Giarratano

Nella Terapia intensiva del Dipartimento di Emergenza del Policlinico diretto dal professore Antonino Giarratano il paziente coinvolto nell’incidente sul lavoro a Casteldaccia continua il suo percorso di svezzamento dalla ventilazione controllata e si presenta stabile sotto il profilo della funzionalità degli altri parametri vitali e della funzione neurologica.

Come detto nei giorni scorsi si tratta di un paziente ad elevata “fragilita’” e pertanto non è ancora possibile sciogliere riserva sulla vita. soprattutto per la funzione respiratoria e il controllo delle infezioni.

Il direttore della Terapia intensiva e del Dipartimento Emergenza dell’Azienda ospedaliera universitaria prof Antonello Giarratano, alla luce anche delle numerose voci che sono state pubblicate da alcuni organi di stampa in merito sia alle cause che alle condizioni del paziente precisa: “Quattro fattori sono stati determinanti se oggi il paziente, molto fragile, è ancora qui a lottare per tornare a una vita autonoma da macchine e terapie: il primo è che evidentemente la dose inalata è stata inferiore a quella probabilmente inspirata dagli altri operai, alle cui famiglie va la nostra vicinanza; il secondo è nel livello di alta specializzazione del primo soccorso: merito dei vigili del fuoco intervenuti e dell’equipaggio del 118 composto, e questo va sottolineato perchè la competenza fa la differenza, da infermieri qualificati e in particolare da una dottoressa specialista in anestesia e rianimazione che lavora sempre presso il nostro dipartimento e che ha avuto la competenza per intubarlo ventilarlo e stabilizzarlo subito. Il terzo è l’Area di Emergenza e Pronto Soccorso con l’area di Diagnostica radiologica della nostra Aoup che hanno permesso subito una diagnosi anche del grave e inquinante quadro di inalazione polmonare. Il quarto sono i medici e gli infermieri e le alte tecnologie e l’elevata competenza e specializzazione della Terapia Intensiva dell’Aoup che hanno portato oggi a sperare. Nel ribadire – cocnlude Giarratano – la vicinanza e il dolore a chi invece non c’è più e ai loro familiari auspichiamo che il percorso di recupero continui e nessuna complicanza lo interrompa”.

Il Commissario starordinario del Policlinico, Maria Grazia Furnari esprime il suo sostegno e vicinanza al paziente e ai suoi familiari e al personale dell’AOUP: “Gli incidenti sul lavoro sono tragedie devastanti. Desidero far pervenire tutto il mio sostegno in questo momento così difficile al paziente e ai suoi cari e a tutte le famiglie colpite da questo drammatico lutto. Ai medici e agli operatori sanitari che stanno curando il paziente, – continua la manager dell’Azienda ospedaliera universitaria – vorrei esprimere la mia profonda gratitudine per il loro impegno, la loro dedizione e la loro professionalità. Il loro lavoro è fondamentale e prezioso, e sono sicura che stanno facendo il possibile per garantire le migliori cure possibili”.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI