domenica, 19 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

In Sicilia riaprono i frantoi: ecco quanto costa l’olio nel 2023

EconomiaIn Sicilia riaprono i frantoi: ecco quanto costa l'olio nel 2023

Prezzi in rialzo quest'anno. Hanno influito la guerra in Ucraina e i costi di produzione

Da qualche giorno i frantoi siciliani hanno riaperto e stanno lavorando a gran ritmo. Se si guarda il dato nazionale si nota che rispetto al 2022 la produzione è aumentata del 28%. Non in Sicilia, dove a causa delle piogge scarse il dato è rimasto pressoché invariato. Numeri che però variano di zona in zona. I prezzi, a prescindere dalla quantità di olive raccolte, sono comunque in rialzo.

I prezzi al dettaglio dell’olio extra vergine d’oliva si aggirano tra gli 8 e i 10 euro al litro, con un rialzo di circa il 20% rispetto allo scorso anno. Questo aumento è dovuto a diversi fattori, tra cui l’aumento dei costi di produzione e la guerra in Ucraina. Si tratta di prezzi base, perché a seconda del tipo di lavorazione (biologico, estrazione a freddo, tipo di filtrazione, etc), il costo dell’oro verde siciliano può variare e arrivare anche a 15-18 euro al litro. Un aumento notevole rispetto al passato, che peserà certamente sulle tasche dei consumatori, che hanno già notato gli incrementi vertiginosi dell’olio venduto sugli scaffali dei supermercati.

Olio e fabbisogno italiano

Nel sud d’Italia, soprattutto in Puglia, in Calabria e in Sicilia, si produce la maggior parte dell’olio italiano. Una produzione nazionale che riesce a coprire il 50% del fabbisogno. Un gap che viene colmato con l’importazione di olio dall’Europa e da altri Paesi. La differenza di prezzo allo scaffale, tra un olio prodotto interamente in Italia e uno miscelato con olio di provenienza estera è notevole. E, come sempre accade, quel che spendi mangi.

L’oliva siciliana

Nella nostra regione abbiamo la Nocellara del Belice, la Tonda Iblea, la Biancolilla e la Moresca. La Nocellara del Belice è la varietà più diffusa, e produce un olio dal sapore fruttato e intenso. La Tonda Iblea è una varietà autoctona della Sicilia sud-orientale, e produce un olio dal sapore fruttato e delicato. La Biancolilla è una varietà precoce, e produce un olio dal sapore fruttato e leggero. La Moresca è una varietà tardiva, e produce un olio dal sapore intenso e piccante.

I consigli per scegliere l’olio extra vergine d’oliva

L’origine: è preferibile scegliere un olio extra vergine d’oliva prodotto in Italia, meglio ancora se in Sicilia.

La cultivar: ogni varietà di olive produce un olio con un sapore e un aroma caratteristici. E non tutti abbiamo gli stessi gusti.

Il metodo di produzione: l’olio extra vergine d’oliva migliore viene prodotto a freddo, entro 24 ore dalla raccolta delle olive.

La data di scadenza: spesso non è indicata, soprattutto quando si compra al frantoio, ma anche l’olio extra vergine d’oliva ha una durata di conservazione massima che dovrebbe essere di circa un anno.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI