domenica, 19 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Formazione e lavoro per 350 euro: ecco Sfl che sostituisce il RdC

EconomiaFormazione e lavoro per 350 euro: ecco Sfl che sostituisce il RdC

Debuttano dal primo settembre le prime misure volute dal Governo Meloni per soppiantare il Reddito di Cittadinanza. Da domani si potrà presentare la domanda per il Supporto per la formazione e il lavoro (Sfl) tramite la piattaforma Siisl (Sistema informativo per l’inclusione sociale e lavorativa). Il supporto è di 350 euro ed è destinato agli ex percettori di RdC che non hanno nel nucleo familiare minori, disabili, over-60 e che non sono stati presi in carico dai servizi sociali. È una misura di attivazione al lavoro. Pertanto chi lo percepirà dovrà partecipare a progetti di formazione e di qualificazione e riqualificazione professionale, di orientamento, di servizio civile e progetti utili alla collettività con l’obiettivo di inserimento al mondo del lavoro. Potranno farne richiesta i componenti tra i 18 e i 59 anni dei nuclei familiari con Isee non superiore a 6mila euro.

Dal primo settembre si potranno presentare le domande per il Supporto per la formazione e il lavoro direttamente sul sito dell’Inps o tramite i patronati. Dal prossimo primo gennaio anche tramite i Caf. Sulla piattaforma confluiranno i richiedenti ma anche i centri per l’impiego, le agenzie per il lavoro, enti di formazione, i comuni, gli enti di servizio civile.

Per accedere al supporto bisognerà accettare il Patto di attivazione digitale (Pad) e contattare almeno tre Agenzie per il lavoro; quindi si potrà essere contattati dal centro per l’impiego per firmare il Patto di servizio personalizzato. Una volta sottoscritto, si potrà accedere a servizi di orientamento, corsi di formazione, progetti utili alla collettività o altre iniziative per l’attivazione lavorativa. Accolta la domanda i percettori del Supporto dovranno partecipare al percorso, dando conferma ogni 90 giorni della loro partecipazione. L’abbandono del percorso o il rifiuto di un’offerta di lavoro causerà la perdita del contributo.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI