lunedì, 20 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Ecco il nuovo film di Matranga e Minafó: su Prime Video

Eventi e CulturaEcco il nuovo film di Matranga e Minafó: su Prime Video

“Una storia che tutti vorrebbero fosse vera”. Con queste parole Matranga e Minafò presentano “Gli attassati”, il film di Lorenzo Tiberia che li vede protagonisti e disponibile in esclusiva dal 31 agosto su Prime. Prodotto da Andrea Calbucci e Maurizio Piazza con Lungta Film, Sicilia Social Star e Vision Distribution in collaborazione con Prime Video, è stato realizzato con il contributo della Regione Campania e Fondazione Film Commission Regione Campania. 

La nuova divertente commedia è diretta da Lorenzo Tiberia, alla sua opera prima, e interpretata dai comici Matranga e Minafò, amati dal grande pubblico grazie a Sicilia Cabaret e alla loro partecipazione alla trasmissione “Made in Sud”. Nel cast anche Maurizio Bologna, Alfonso Postiglione, Vittorio Ciorcalo, Franco Pinelli, Gigio Morra, Demi Licata, Vincenzo Castellone, Carmelo Giordano, Clara Bocchino, Anna Bocchino, Domenico Aria, Vincenzo Castellone e Massimo Galimberti. 

Il soggetto è pensato da Toni Matranga e scritto a più mani da Toni Matranga, Emanuele Minafò, Lorenzo Pasqua, Gianpiero Pumo e Daniele Vespertino. A firmare la colonna sonora è, invece, Bruno Falanga: “Gli attassati”, prodotta ed edita da Edizioni Curci, è un mix di ritmi funky, sonorità rock ed elementi elettronici, progettato per sottolineare l’atmosfera divertente, ritmata e avventurosa del film. Le note accompagnano Toni Matranga ed Emanuele Minafò che tornano sul grande schermo nei panni di due agguerriti antieroi decisi a riscattare tutti gli “attassati” d’Italia. 

La sinossi del film 

Il film ha come protagonisti gli abitanti di una piccola cittadina dispersa nel Sud, già messi in ginocchio dalla crisi economica e dalla pandemia, che vengono improvvisamente sommersi di cartelle esattoriali da Equitù. In realtà, dietro la “tassazione illecita” c’è il sindaco, un uomo cinico e corrotto, disposto a tutto pur di appianare il bilancio comunale, e conquistare la poltrona di segretario all’interno del suo partito. 

Tra le vittime degli esattori capitanati dal temibile direttore di Equitù, detto lo Sceriffo, anche Toni, squattrinato rappresentante di guanti e mascherine, ed Emanuele, bizzarro hair-stylist per cani. Mentre sono in fila negli uffici di Equitù, scoprono di essere entrambi legati a quella salatissima cartella esattoriale per mancati adempimenti del salone di bellezza per cani di Emanuele, di cui Toni risulta essere proprietario a seguito di un’eredità lasciata dalla nonna defunta.

Da perfetti sconosciuti, i due diventano complici nell’unica via d’uscita possibile per loro e per tutti gli “attassati” del loro paese: intrufolarsi nella sede di Equitù per rubare e far sparire tutte le copie delle loro cartelle esattoriali e con esse anche i loro debiti.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI