domenica, 19 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Palermo, vento di passione al Barbera: pienone per la sfida contro il Cosenza

CalcioPalermo, vento di passione al Barbera: pienone per la sfida contro il Cosenza

Questa sera il pubblico rosanero spingerà la squadra verso un unico obiettivo: la vittoria. La presentazione del match

Palermo regalerà una cornice di pubblico straordinaria questa sera alla sua squadra. Il sold out è ad un passo per il Barbera e tutta l’Italia cadetta assisterà ad un anticipo dal sapore di festa rosanero. Questo almeno nella speranza dei trentamila cuori che affolleranno gli spalti del vetusto ma sempre affascinante stadio palermitano.

Una gara da vincere e che si può vincere, ha dichiarato Corini. Le sensazioni positive le ha il tecnico ma sono avvertite da tutto l’ambiente. C’è però una avversaria che in questo inizio di stagione ha avuto un rendimento altalenante. Il pareggio in rimonta contro il Sudtirol dimostra che, nonostante sulla carta il divario tra le due formazioni sia enorme, il Cosenza non è squadra che si arrende facilmente.

Non verrà a sciorinare calcio champagne sicuramente Fabio Caserta qui a Palermo ma certamente non lascerà nulla di intentato per fare uno sgambetto ai rosa. Tra l’altro qualche ex col dente avvelenato nella compagine rossoblu c’è, Tutino su tutti, e la soglia di attenzione dovrà essere elevata.

Dal canto loro i rosa si approcciano alla contesa di stasera con la consapevolezza di essere chiamati a fare la partita. Forti della migliore difesa del campionato e di un attacco che ha finora mandato a rete sette giocatori diversi, dovranno aggredire i lupi calabresi senza però perdere quell’equilibrio che è stato il punto di forza di queste prime quattro giornate di campionato.

Aspettando i gol di Brunori, magari da stasera, ci apprestiamo a vivere una serata calda, non solo meteorologicamente, e intensa. Le frecce nella faretra di Eugenio Corini sono tante e aldilà della scelta iniziale della formazione, praticamente scontata, devono essere utilizzate in funzione dell’andamento della partita.

Affrettare recuperi sarebbe deleterio per il prosieguo di un campionato lungo e intenso per cui alcuni giocatori, Insigne per esempio, non li attendiamo all’opera anche perché in panchina c’è il leone Mancuso pronto a ruggire, esattamente come sono pronti a farlo i tifosi per tutti i novanta minuti di questa imperdibile serata rosanero.

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI