domenica, 26 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Palermo, un cavallo stramazza a terra mentre trasporta i turisti

CronacaPalermo, un cavallo stramazza a terra mentre trasporta i turisti

Un altro cavallo è stramazzato al suolo a Palermo, mentre trainava una carrozza in cui erano seduti alcuni turisti. È accaduto in corso Vittorio Emanuele, quasi all’incrocio con via Roma. Un gruppo formato da associazioni di animalisti ha presentato una denuncia.

«La vettura, presumibilmente abusiva, non ci risulta sia stata poi controllata dalle forze dell’ordine preposte. In questi giorni, noi associazioni animaliste abbiamo segnalato costantemente alla polizia municipale la presenza di carrozze abusive in tutto il centro storico – scrivono Ada, Lida, Oipa ed Enpa in una nota -. Tali segnalazioni sono state effettuate sia telefonicamente, alla centrale operativa dei vigili urbani, che in forma scritta allo stesso comando. Proprio ieri abbiamo appreso la convalida degli arresti domiciliari di uno «gnuri» piuttosto conosciuto, scattati per la guida di un calesse per le corse clandestine».

«Noi associazioni animaliste – prosegue la nota – pretendiamo che venga rispettato il concetto di legalità e soprattutto che vengano puniti gli abusivi con relativo sequestro delle carrozze ed eventualmente dei cavalli qualora fossero sprovvisti di codice stalla. Capita infatti che le carrozze abusive ed i loro cocchieri inciampino talvolta nel mondo delle corse clandestine, ci risulta la sospensione di una licenza per tale reato. Siamo stanchi di vedere cavalli stramazzati al suolo, è anacronistico l’uso del cavallo in città in mezzo a clacson, bus ed auto, sovente sull’asfalto cocente e con orari di lavoro proibitivi e stressanti. È ora di mettere mano a livello regionale ai bandi per la conversione delle licenze da trazione animale ad ape car. Sono fra l’altro gli stessi vetturini, per la maggior parte a volerlo e per una volta siamo d’accordo su una cosa. Diffideremo e denunceremo il sindaco Lagalla e l’assessore al benessere animale oltre che la polizia municipale».

(foto d’archivio)

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI