lunedì, 20 Maggio 2024

Testata telematica registrata al Tribunale di Palermo n. 07/2024
Editore: Associazione 100Media - Direttore responsabile: Michele Sardo

Palermo, protesta degli ex percettori del RdC: “Migliaia di famiglie sul lastrico”

EconomiaPalermo, protesta degli ex percettori del RdC: "Migliaia di famiglie sul lastrico"

Nuove proteste per i disoccupati palermitani, che hanno attraversato via Maqueda in corteo, da piazza Verdi fino a Palazzo Comitini

Chiedono «il diritto a un reddito e al lavoro», dopo la riforma del Governo Meloni che ha sancito la sospensione del reddito di cittadinanza, da subito per gli occupabili, da dicembre per i non occupabili.

«È una divisione insensata tra i poveri – spiega Davide Grasso, presidente dell’associazione Basta Volerlo -. Il lavoro in Sicilia non c’è. Migliaia di famiglie sono sul lastrico, sotto minaccia di sgombero da parte dei proprietari perché non riescono a pagare l’affitto, con bollette arretrate e la spesa che non si riesce più a fare. Non si possono abbandonare i più fragili, chiediamo un intervento da parte dei rappresentanti del Comune di Palermo».

Una delegazione di ex percettori di reddito, al termine della manifestazione, ha incontrato l’assessore ai Servizi Sociali, Rosi Pennino. «Stiamo lavorando per non lasciare indietro nessuno. Mi sono fatta portavoce coi rappresentanti del Governo nazionale – afferma Pennino – per l’apertura del Fondo Povertà, attualmente destinato solo alle famiglie percettrici di reddito di cittadinanza, a tutta la platea di persone che restano in condizioni di povertà e non riescono ad accedere a servizi di autonomia, quali i Tirocini inclusivi o i sostegni di tipo socio-educativo. Questo potrebbe essere un aiuto concreto per le famiglie in difficoltà. Aspettiamo risposte da Roma, ma siamo fiduciosi».

«È stata una interlocuzione positiva – afferma Toni Guarino -. Ma continuiamo a tenere alta l’attenzione. Non abbiamo alcuna intenzione di fermarci, finché non verrà garantita a tutti la possibilità di arrivare a fine mese».

Guarda altri contenuti

Check out other tags:

I PIÙ LETTI